Vento di Mary Poppins

choco cake_mary poppins Page 2
Credits: Alessandra Spairani photography

“Come diceva l’indirizzo su Google maps? Londra, 17, Viale dei Ciliegi. Allora ci sono. La casa deve essere questa. Uh, che ventaccio…”
Dling, dlong.
Una donna alta, magra, tutta vestita di nero, dalla punta del cappello a quella dell’ombrello, con grandi mani, grandi piedi, occhi piccoli e azzurrissimi: fu questo che trovò dinanzi a sé la signora Banks aprendo la porta di casa.
“Lei deve essere la nuova bambinaia. Finalmente! Sono giorni che ne aspettiamo una, cominciavo a disperare. Prego, si accomodi. Vuole darmi le sue referenze?”
“Sì, sono io – tagliò corto la donna, entrando in casa, togliendosi cappello e cappotto e tirando fuori l’iPhone dalla tasca. Ecco: le ho inviato una mail all’indirizzo indicato nell’annuncio. Troverà il link al mio profilo LinkedIn, può spulciarselo con comodo. Piuttosto, dove sono i bambini?”
La signora Banks si fermò un attimo per ricordare dove avesse lasciato il telefonino. Da quando anche l’ultima tata era andata via a gambe levate c’era un tale trambusto in casa. Ah, eccolo, sotto i sonagli dei gemelli. Si affrettò a cliccare sulla notifica che le era appena comparsa e, sgranando gli occhi, lesse:

Mary APPins. Occupation: nanny. Practically perfect in every way.”

(il racconto continua su Romeo & Julienne)

Mary APPins. Come ci sarà venuto in mente? 🙂
Speriamo solo che Pamela Lyndon Travers, rinomata per il suo caratteraccio, non se ne abbia a male.
Questa nostra Mary, ombrello in una mano e smartphone nell’altra, sistema tutto con una pigiatina sul suo touchscreen: con la ToyApp le bambole e i soldatini di Jane e Michael tornano, ordinati, al loro posto, con la BedroomApp riappaia calzini spaiati, infila pigiami sotto i cuscini e rifà i letti, e con la SyrupApp trasforma una disgustosa medicina in gelato alla fragola o punch al rum.

La sua CleanApp è, poi, il mio sogno: le basta toccare lo schermo e le camicie spiegazzate si stendono sull’asse, per poi finire abbottonate, lisce e profumate nell’armadio. Evito di farvi uno screenshot di questa stanza in questo momento, ma diciamo che, se adesso suonasse alla porta, sarei molto felice di vederla entrare.

E che dire, poi, della CookApp? Tutto quello che dovete fare è “Selezionare le portate e le intolleranze dei commensali” e confermare la sua proposta per cena: “Confermi brodo classico, pollo e patate, torta al cioccolato gluten-free?”

Non possiamo mandarvi MaryAppins ad aiutarvi in cucina, ma possiamo suggerirvi questa sua ricetta: golosa, gustosa e facilissima da preparare.
Una torta cioccolato, mandorle e un goccio di liquore che noi abbiamo chiamato Vento di Mary Poppins perché, se la bambinaia magica appare e scompare quando cambia il tempo, questa torta sparirà in un batter d’occhio, e senza nemmeno bisogno che si alzi un filo di vento.

choco cake_mary poppins Page 1Vento di Mary Poppins

Avete a cena un amico celiaco o affetto da gluten sensitivity? Quale sorpresa migliore dell’accoglierlo con una torta a regola d’arte? Niente surrogati da comprare in farmacia né gommosi preparati gluten-free: offriamogli una Caprese, golosa, gustosa, e che anche gli altri commensali apprezzeranno di sicuro.
Per una volta non si sentirà diverso: con Mary in cucina anche le cose più straordinarie sono normali.

choco cake_mary poppins Page 3

Ingredienti:

400 gr di mandorle pelate
250 gr di cioccolato fondente
250 gr di zucchero
250 gr di burro
6 uova
2 cucchiai di liquore Strega

Procedimento:

Con l’aiuto di un mixer, riducete le mandorle in farina.
A parte, tritate finemente anche il cioccolato e scioglietelo a bagnomaria insieme al burro.
Rompete le uova e separate gli albumi dai tuorli: montate a lungo questi ultimi insieme allo zucchero, fino a ottenere una crema molto chiara e spumosa. Aggiungete quindi il liquore, il composto di burro e cioccolato e le mandorle. Montate infine gli albumi a neve e uniteli poco alla volta all’impasto, mescolando dal basso verso l’alto, in modo da non smontarli e incorporare altra aria.
Versate il tutto in una teglia precedentemente imburrata e infarinata, poi fate cuocere in forno preriscaldato a 160 gradi per un’ora. Al termine della cottura, estraete la teglia dal forno e lasciate raffreddare del tutto.

One thought on “Vento di Mary Poppins

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s