Insalate di David Bez

Insalate romeo e julienneC’è un hashtag che gira su Instagram, ultimamente: è #50scrivanie e lo ha inventato Domitilla Ferrari,  per raccontare il lavoro dei suoi colleghi attraverso una foto dall’alto delle loro postazioni di lavoro. Ordinate o caotiche che siano, raccontano molto delle persone che tutti i giorni vi siedono davanti.

Se tra queste foto ci fosse anche quella della scrivania di David Bez, tra mouse, tastiera, agenda e tavoletta grafica potremmo sicuramente scovare qualche intruso: un pelapatate, un coltello, magari anche un tagliere e, perché no? una centrifuga per insalata compatta. Piccoli attrezzi di cucina che l’autore di Insalate utilizza ogni giorno per preparare, direttamente alla scrivania, pranzi sani, equilibrati e colorati. 

Non pensate infatti che questo libro si rivolga ai patiti della dieta: qui la prova costume non c’entra nulla. Semplicemente David, grafico italiano che vive e lavora a Londra, cercava un modo per rendere meno tristi e anonime le sue pause pranzo, e soprattutto per nutrirsi bene, senza appesantirsi, dato che la palpebra calante davanti allo schermo, nel primo pomeriggio,  non è solo un problema di produttività: indica che il nostro corpo sta faticando ad assimilare quello che abbiamo mangiato, e invece di produrre energie, ne consuma per la digestione.

Con un’ora di tempo per fare la spesa, preparare il pasto e mangiare, l’insalata è stata per David la scelta più pratica per coniugare gusto, salute e velocità. Ogni giorno un’insalata diversa, per 4 anni, tra la curiosità dei colleghi, prima, e poi dei follower del blog Salad Pride, aperto proprio per condivideregli esperimenti quotidiani con foto dall’alto e uno styling semplice e immediato.
David fa tutto: non stiamo parlando di un food photographer né di uno chef, come lui stesso ammette, eppure il suo progetto funziona, sia sul web che su carta, dove ha raccolto gli abbinamenti più riusciti. Una al giorno, per un anno, divise per stagioni, dal momento che la qualità e la stagionalità degli ingredienti sono, per l’autore, un aspetto imprescindibile.

David ci racconta che creare un pasto sano anche alla scrivania non è difficile: si parte da una base, di solito a foglia verde, si aggiungono verdure cotte e crude, eventualmente frutta, una piccola parte di proteine (vegetali o animali: per ogni combinazione troviamo sempre un’opzione vegetariana/vegana e onnivora, un’attenzione che ci piace molto!).
Si aggiungono poi gli elementi che danno sapore e trasformano anche il piatto più semplice in un’esperienza appagante per il gusto: semi, erbe aromatiche, sott’oli e sott’aceti, e soprattutto condimenti – vinaigrette, pesti, dressing cremosi – a cui David dedica molta attenzione.

A partire da queste basi, e ispirandosi al caleidoscopio di colori che il libro ci regala, siamo sicure che abbandonerete presto la piadina triste del bar sotto l’ufficio.

David Bez
Insalate – per pause pranzo sane, gustose e colorate
Il Castello, 2015
304 pagine, Hardcover

One thought on “Insalate di David Bez

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...